Matite colorate per la Palestina: la nuova scommessa di Agenda della Pace

“Pace, per usare un’immagine, è un’acqua che viene da lontano: l’unica in grado di dissetare la terra: l’unica capace di placare l’incoercibile bisogno di felicità sepolto nel nostro inquieto cuore di uomini. Quest’acqua, che in larga parte discende dal cielo e in minima parte deriva dalle risorse idriche della terra – ma anche queste, in ultima analisi, non provengono dall’alto? – si trova in un acquedotto. Si tratta ora di portarla a tutti”.

Quanto sono vere ed attuali le frasi pronunciate da don Tonino Bello e riportate nella lettera “La scommessa della pace – Il lupo dimorerà con l’agnello”. Il vescovo di Molfetta le scrisse venti anni fa quando, agli inizi degli anni ’80 fu chiamato a guidare Pax Christi, il movimento cattolico internazionale per la pace.

Oggi risuonano ancora forti perché è rimasto immutato il bisogno di persone che si impegnano a portare la pace a tutti. Lo scenario internazionale presenta numerose criticità. Basta accedere alle fonti d’informazione per capire quanti focolai di guerra sono sparsi nel mondo. Ci sono conflitti che riguardano il Medio Oriente, l’Africa e il mondo musulmano. Non si contano più le vittime di questi conflitti tra popoli che noi credevamo alle spalle dopo l’orrore a cui avevamo assistito nelle due guerre mondiali.

Ed invece c’è sete di pace nel mondo perché solo la pace può donare felicità agli uomini. Si tratta ora di portarla a tutti. Un modo potrebbe essere l’Agenda della Pace delle edizioni Caracò. Attraverso la vendita dell’edizione 2014/2015 è stata avviata la campagna di raccolta fondi per il progetto “Matite colorate per la Palestina”. Per i bambini e per tutti i ragazzi della Palestina, infatti, la scuola è diventata un vero e proprio miraggio nel deserto, in molte realtà è difficile procurarsi da dormire e da mangiare. Andare a scuola è quindi considerato un lusso.

A Gaza e in Cisgiordania non è affatto suonata come da noi la campanella del primo giorno di scuola per centinaia di migliaia di bambini e di ragazzi. Le restrizioni economiche già esistenti, la recente guerra a Gaza e le enormi difficoltà di circolazione delle persone e delle merci nei territori palestinesi stanno rendendo difficile la vita e il diritto a percorsi di crescita educativa di un’intera generazione.

L’Agenda della Pace è in distribuzione in tutta la Campania. Contemporaneamente si sta raccogliendo quanto più materiale scolastico possibile di largo consumo (penne, quaderni e cancelleria) che sarà portato e distribuire nelle scuole palestinesi. Per organizzare la presentazione dell’Agenda della Pce e la raccolta dei materiali è possibile dare la propria disponibilità sulla pagina www.facebook.com/agendadellapace, o all’indirizzo agendadellapace@gmail.com. Per ulteriori informazioni e contatti (0817783372).

L’Agenda della Pace verrà presentata lunedì 24 novembre, alle ore 18.00, presso l’auditorium “Cilindro Nero” al Viale Spinelli di San Giorgio del Sannio. L’incontro è organizzato con il patrocinio del Comune e con la collaborazione della libreria “The Dreamers”. Interverranno il giornalista Pellegrino Giornale, il consigliere regionale Corrado Gabriele ed Omar Soleiman della Comunità Palestinese. Chiunque voglia può venire con penne, quaderni e quant’altro ritenga di poter donare ai bambini palestinesi.

About Pellegrino Giornale

Lascia un commento