Gallo: il sistema su ferro è più economico e sicuro

Mariano Gallo è professore associato presso l’Università degli studi del Sannio ed è un esperto in ingegneria dei trasporti.

Professore, un sistema infrastrutturale moderno ed efficiente può favorire lo sviluppo di un territorio come il Sannio?

La risposta non può che essere affermativa in quanto l’isolamento infrastrutturale provoca l’isolamento economico e sociale di un territorio. Quanto più scarsi sono i collegamenti, minori saranno le opportunità per i cittadini. Questo è un problema che riguarda sicuramente la città e la provincia di Benevento. Purtroppo il Sannio, sia dal punto di vista autostradale che ferroviario, è lontano dalle grandi direttrici nazionali.

Attualmente è opportuno investire sul sistema infrastrutturale su gomma o su ferro?

Bisogna valutare anzitutto la compatibilità con le risorse finanziarie disponibili. Direi che non c’è concorrenza tra ferro e gomma. Ovviamente il sistema su ferro e più efficace e più efficiente in quanto riduce i costi, migliora la sicurezza e preserva l’ambiente. Occorre però tener presente che, stando ai dati Istat, l’utilizzo del trasporto su ferro per causa lavoro nel Sannio è scarsissimo. Ciò è dovuto principalmente ad un problema infrastrutturale. E’ fondamentale quindi dare agli utenti un servizio di qualità, riducendo i tempi di percorrenza ed aumentando le corse.

A ciò si aggiunge che Benevento è rimasta tagliata fuori dalla metropolitana regionale…

Il progetto è stato avviato oltre 10 anni fa. Molte cose sono state realizzate ma purtroppo la linea per Benevento non è stata ancora ammodernata. Attualmente ci sono enormi problemi finanziari che impediscono di portare avanti gli obiettivi. In tempi di magra economica, comunque, conviene concentrare le risorse sul trasporto su gomma per eliminare l’isolamento di cui soffre Benevento. La città è poco accessibile e quindi ha anche poche possibilità di sviluppo.

Quali sono le cause di questo isolamento?

Evidentemente ci sono state scelte politiche sbagliate negli ultimi 30-40 perché gli investimenti infrastrutturali vanno programmati e costruiti nel tempo. I progetti ci sono come il raddoppio della Caianello che sicuramente migliorerebbe la sicurezza ed i collegamenti con Roma. Ovviamente si tratta di lavori molto lunghi che hanno bisogno di grandi investimenti. Ripenserei invece all’idea per Benevento di una metropolitana leggera che si addice piuttosto a città con una forte densità di popolazione.

Nonostante i tagli ai trasferimenti nazionali e regionali partirà il piano trasporti provinciale?

La riorganizzazione del servizio è stata imposta dalle minori risorse a disposizione della Provincia. Si è cercato innanzitutto di salvaguardare l’utenza scolastica e i pendolari. Il piano può funzionare ma deve essere messo a gara. Sono favorevole al gestore unico perché così la Provincia avrebbe un unico contratto, un unico interlocutore. Poi è chiaro che le aziende possono consorziarsi e presentarsi insieme per partecipare alla gara. Il gestore unico non significa eliminare le altre aziende dal mercato.

 

Impresa & Business – n.1 gen-feb 2013

About Pellegrino Giornale

Lascia un commento